Rosso Gandinaia

ZONA DI PRODUZIONE: Valtidone con vigneto posto in forte pendenza sulla sommità della collina con esposizione a Sud/Est. Su terreni argillo/calcarei /marnosi.
VITIGNI: il vigneto presenta le tipiche varietà della zona con una presenza di varietà alloctone che favoriscono una maggior complessità sensoriale. La forma di conduzione è il cordone speronato, con una densità di 5000 viti per ettaro con una produzione di 700/800 grammi di uva per ceppo garantendo elevati livelli qualitativi.
VENDEMMIA: solo al raggiungimento di ottimali maturazioni fenoliche e tecnologiche. L’uva Syrah, raccolta in cassettine, viene diraspata sofficemente lasciando una parte, circa il 30-40% di acini interi. Una parte delle uve viene appassita in condizioni controllate e seguentemente vinificata separatamente.
RESA: la produzione è contenuta in 30 hl per ettaro con opportuni interventi agronomici e con diradamento manuale dei grappoli.
VINIFICAZIONE: i vini sono fermentati in recipienti di acciaio inox con temperatura lasciata libera di oscillare tra i 26-30°C. Alla fermentazione è seguita una macerazione sulle bucce per altre due settimane. Ultimata la macerazione, tutto il vino passa in barrique di rovere francese dove avviene la malolattica e rimane a contatto con le proprie fecce nobili per almeno 12 mesi, con batonage periodici. Alla fine di questo periodo vengono fatte le masse e il vino viene messo per un ulteriore periodo di 15 mesi in Botti da 20hl.
COLORE: rosso rubino carico con leggeri riflessi granati.
PROFUMO: fruttato da bacche nere leggermente appassite (ciliegia marasca), sambuco, mirtillo e ribes nero), con una piacevole sfumatura di composta di fragola di monte. Florale (garofanino, violetta, rosa rossa appassita) con note speziate di tabacco biondo aromatico, liquirizia e leggermente balsamiche da miscellanea di pepi. Leggero aroma vanigliato e di boisè perfettamente integrato e piacevole.
SAPORE: di ottima struttura, elegante ed equilibrato con un bilanciato rapporto tra percezione alcoolica, morbidezza ed acidità, con una grande piacevolezza e rotondità e con tannini fitti, morbidi e ben amalgamati alla struttura. Retrogusto che inizia con richiami ai frutti neri e di tabacco biondo, chiude con un lungo finale ricco di note vanigliate e speziate.

Primi piatti tipici della cultura emiliana (lasagne, tortellini, cannelloni), selvaggina da pelo (salmì), carni rosse (ottimo con carni alla brace e brasati), formaggi duri o semi duri.
FORMATO: bottiglia da 750 ml